CIlento

 

     
 

 

 

H O M E

 
     
 

INFO sul Parco

 
     
 

COMUNI del Parco

 
     
 

CONTATTI

 
     
     
     

 

 

 

 
 
     
  Fotografie di TORTORELLA  
Tortorella: Chiesa Madre della Collegiata

Tortorella: Chiesa Madre della Collegiata

 
Chiesa Madre della Collegiata e monumento ai caduti

Chiesa Madre della Collegiata e monumento ai caduti

 
Retro della Chiesa Madre della Collegiata

Retro della Chiesa Madre della Collegiata

 
Antico Palazzo Marchesale di Tortorella

Antico Palazzo Marchesale di Tortorella

 
Pittoresca stradina del borgo di Tortorella

Pittoresca stradina del borgo di Tortorella

 
Pittoresca stradina del borgo di Tortorella

Pittoresca stradina del borgo di Tortorella

 
     
 
 
 

Cenni storici

Tortorella, pittoresco borgo dell'entroterra del Golfo di Policastro, è situato su una ripida altura che domina la profonda forra del torrente Bussentino, a 580 metri di quota.
Il paese ebbe origine poco prima dell'anno mille ad opera di genti scampate alle scorrerie dei pirati saraceni. Dell'epoca rimangono preziose testimonianze architettoniche tipicamente medioevali. Fra queste la Chiesa Madre della Collegiata, risalente all'XI sec. e munita di un pregevole portale cinquecentesco; e porzioni delle mura di cinta in cui si apre la porta sudorientale.
Le mura furono edificate dapprima dai normanni nel XII sec. e poi rinforzate dagli angioini durante la guerra del Vespro (1282-1302) contro gli aragonesi.
Nel XIV sec. Tortorella diventò uno dei tanti possedimenti dei Conti Sanseverino. In questo periodo il paese acquistò notevole importanza, tanto da comprendere nel proprio feudo i vicini abitati di Casaletto Spartano e Battaglia. Fino al XVII-XVIII sec. il paese fu sede di una società raffinata, come documentano i bei palazzi dell'epoca, fra cui spiccava il palazzo Baronale Marchesale dei Conti Carafa, ormai diruto. Allo stesso periodo risalgono le numerose chiese presenti sul territorio, fra cui la Chiesa di San Vito, posta appena fuori dall'abitato ed il cui ampio piazzale è un caratteristico luogo d'incontro per la comunità.
Nel XVIII sec. il borgo era caratterizzato da un'intensa attività lavorativa. Particolarmente diffuso era l'artigianato, in particolare la lavorazione del ferro, i cui segreti si sono tramandati di generazione in generazione fino ai nostri giorni. Era molto praticata anche la lavorazione dei cereali, come attestano gli imponenti ruderi di mulini, ormai ricoperti da fitta vegetazione, che un tempo sfruttavano le impetuose acque del Torrente Bussentino.
 

 
     
 
 
   
 
 
 
 
 
 
 
Foto del Cilento e Vallo di Diano:
Acciaroli Agropoli Ascea / Velia Atena Lucana Buonabitacolo
Camerota Campagna Capaccio Casal Velino Casaletto Spartano
Caselle in Pittari Castelcivita Castellabate Castelnuovo Cilento Castel San Lorenzo
Centola Cicerale Corleto Monforte Felitto Laurino
Laurito Montecorice Morigerati Novi Velia Ogliastro Cilento
Padula Paestum Palinuro Petina Pisciotta
Roccadaspide Rofrano Roscigno Sacco San Giovanni a Piro
San Mauro Cilento Sant'Angelo a Fasanella Sanza Sapri Scario
Sicignano degli Alburni Torchiara Tortorella  Trentinara Vallo della Lucania
Foto della Costiera Amalfitana:
Agerola Amalfi Atrani Cetara Conca dei Marini
Furore Maiori Minori Positano Praiano
Ravello Scala Vietri sul Mare    
Foto della Penisola Sorrentina:
Castellammare Massa Lubrense Meta di Sorrento Piano di Sorrento Pompei
Sant'Agnello Sorrento Vico Equense    
Foto delle isole del Golfo di Napoli:
Capri Ischia Procida    
Altre della Campania
Campi Flegrei Caserta Cava dei Tirreni Napoli Salerno
Posillipo Vesuvio Gragnano Ercolano Sant'Antonio Abate
Lettere Bacoli Angri    
 
 
 
   

H O M E

   
Tutte le foto inserite nel presente sito sono state scattate da De Maio Agostino. Nel caso di pubblicazioni chiederne l'autorizzazione gratuita (vedere la procedura indicata nella sezione "Contatti"). Questa pagina è stata aggiornata nell'anno 2014.