H O M E

 
     
 

INFO sul Parco

 
     
 

COMUNI del Parco

 
     
 

CONTATTI

 
     
     
     

 

 

 

 
 
     
  Fotografie di CASELLE IN PITTARI  
  Caselle in Pittari

Caselle in Pittari

 
   
Caselle in Pittari è un paesino del Cilento arroccato su una collina a 444 m.s.l., sovrastato dalla torre medievale. Da qui lo sguardo del visitatore, si può liberare indisturbato verso nord per ammirare la maestosità del monte più alto in Campania, il Monte Cervati (1898 mt) dalle cui sommità sgorgano le acque del fiume Bussento che attraversa il territorio di Caselle in un primo tratto, fino al Lago Sabetta , mostrando le sue acque , per poi essere inghiottito dalle viscere della terra presso La Rupe, ad Est dell´abitato.

Verso Ovest si può vedere la cromatica bellezza delle rocce del Monte Bulgheria, o più a nord osservare d´estate le luci del Santuario di Novi Velia (Monte Gelbison).
Verso sud-est per cercare uno scorcio verso il mare (Che un tempo sicuramente era scrutabile dalle sommità della torre). Infine, volgere lo sguardo al pietroso Monte Pittari, tra l´altro ha contribuito al nome del nostro paese, che è custode del santuario di San Michele Arcangelo tanto venerato dai Casellesi.

Una superficie territoriale di 44,62 Kmq prevalentemente collinare, ma anche ricca di bellezze naturalistiche e archeologiche (Laurelli) sicuramente da visitare.
Caselle in Pittari è comune del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.


 

 
Caselle in Pittari: abitato medievale

Caselle in Pittari: abitato medievale

Centro di Caselle in Pittari: via Roma

Centro di Caselle in Pittari: via Roma

 
Piazza Europa

Piazza Europa

Centro di Caselle in Pittari: via Roma

Centro di Caselle in Pittari: via Roma

 
Abitato medievale di Caselle in Pittari

Abitato medievale di Caselle in Pittari

Chiesa Madre

Chiesa Madre

   
  Torre medievale

Torre medievale

 
 
Municipio di Caselle in Pittari

Municipio di Caselle in Pittari

Monumento ai caduti

Monumento ai caduti

   
  Campagna con pecore

Campagna con pecore

 
Grotta di San Michele

Grotta di San Michele

Grotta di San Michele

Grotta di San Michele

  Caselle in Pittari vista dal sentiero per la grotta di San Michele

Caselle in Pittari vista dal sentiero per la grotta di San Michele

 
   
Ingresso alla Grotta del Bussento

Ingresso alla Grotta del Bussento

     
     
 
 
 
 

Cenni storici

Caselle in Pittari è un paese sorgente nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano a 460 m. sul livello del mare.

Le indagini archeologiche compiute negli ultimi decenni documentano che il territorio fu abitato sin dall´età preistorica; infatti nella Grotta di San Michele si è rinvenuta ceramica appartenente all´orizzonte preistorico.

Altre rinvenimenti, riferiti all´età del Bronzo Finale (1150 - 900 a.C.), si sono rinvenuti in località Laurelli.

Reperti, databili all´età del Ferro (fine VII sec. a.C.), sono stati rinvenuti sul Colle Serra.

Nel V secolo a.C. i Lucani, provenienti dalle aree interne, si insediano in località Laurelli luogo in cui impiantano un abitato prolifico sino al III secolo a.C. epoca in cui il territorio fu conquistato dai Romani.

A seguito della caduta dell´Impero romano Caselle è ricordato dalle fonti per la pratica del culto dell´Arcangelo Michele, diffusosi nel territorio nel VII secolo con l´arrivo dei monaci bizantini, sul monte San Michele.

Agli inizi dell'XI secolo il principe longobardo di Salerno, Guaimaro III, fondò sul Monte San Michele o Pittari l´Abbazia di Sant´Angelo i cui resti sono tuttora visibili al di sotto del complesso criptologico.

Nel 1067 Caselle è menzionata nella Lettera Pastorale con la quale l´Arcivescovo di Salerno Alfano I annunciava al clero la nomina a vescovo dell´abate di Cava, Pietro Pappacarbone, nella ricostituita Diocesi di Policastro.

Nel 1137 Caselle è menzionata nel "Catalogus Baronum" come "territorio" dipendente dal Cenobio e dalla chiesa di Santa Maria di Grottaferrata di Rofrano. Sempre nello stesso elenco, nel 1154, Caselle è registrata come possedimento di Gisulfo di Padula.

In epoca angioina, in particolare negli anni della guerra del Vespro (1282 - 1302) combattuta dagli Angioini di Napoli e gli Aragonesi di Sicilia, Caselle dovette costituire uno dei castri (fortezza) della seconda linea difensiva interna come sembrano testimoniare i resti del maschio a forma di torre cilindrica.

Nel 1299 Carlo II lo Zoppo assegna Caselle al Principato Citeriore e divenne in seguito, nella prima metà del XIV secolo a.C., possedimento della famiglia Sanseverino (il primo feudatario fu Almerico Sanseverino a cui successe il figlio Tommaso).

Nel 1386 il re di Napoli affidò Caselle a Guarello Orilia poiché i Sanseverino gli si erano schierati contro nella lotta con Luigi II D´Angiò.

Nel 1442, con l´inizio della dominazione aragonese (1442 - 1504) nel Regno di Napoli, Caelle fu affidata ad Almerico, figlio di Tommaso Sanseverino, a cui successe il figlio Guglielmo che nel 1485 prese parte alla Congiura dei Baroni contro Ferrante D´Aragona. Le truppe aragonesi ebbero la meglio e Guglielmo fu privato di tutti i suoi feudi per aver partecipato alla Congiura: Alfonso II nominò governatore il milite Valerio De Gizzis di Chieti.

Nel 1496 Guglielmo, per volere di Ferdinando II, fu reintegrato in tuti i suoi beni e Caselle ritornò in possesso dei Sanseverino (Roberto II rilevò nel 1506 la terra di Caselle a cui successe, nel 1510, Ferrante).

All´inizio del XVI secolo la dominazione spagnola sostituì quella aragonese. Caselle, dopo anni difficili caratterizzati dalle scorrerie dei pirati saraceni e turchi, si ingrandì e offrì condizioni favorevoli di vita sino agli ultimi decenni del XVI secolo. Nel 1570 Pietro De Stefano acquistò Caselle per la somma di 11.500 ducati. Il dominio dei De Stefano si protrasse sino al 1674 anno in cui Pietro, ultimo della nobile famiglia napoletana, fu costretto a vendere il feudo al giudice Angelo Cristiani a causa dei debiti che aveva assunto e che non riuscì a pagare: i nobili furono costretti a contrarre debiti a causa delle carestie, dell´eccessivo carico fiscale e delle epidemie che ridussero le entrate.

Nel 1683 il feudo fu ereditato dal figlio di Angelo Cristiani, Didaco a cui successe il figlio Angelo Maria. Quest´ultimo mantenne il feudo sino al 13 giugno 1764, giorno in cui divenne feudataria del marchesato la figlia Chiara. Il feudo passò ai Mazzarotta che dominarono sino all´eversione delle leggi feudali (1806).
Testo tratto dal sito:
www.comune.caselleinpittari.sa.it
 

 
     
 
 
 
 
 
 
 
Foto del Cilento e Vallo di Diano:
Acciaroli Agropoli Ascea / Velia Atena Lucana Buonabitacolo
Camerota Campagna Capaccio Casal Velino Casaletto Spartano
Caselle in Pittari Castelcivita Castellabate Castelnuovo Cilento Castel San Lorenzo
Centola Cicerale Corleto Monforte Felitto Laurino
Laurito Montecorice Morigerati Novi Velia Ogliastro Cilento
Padula Paestum Palinuro Petina Pisciotta
Roccadaspide Rofrano Roscigno Sacco San Giovanni a Piro
San Mauro Cilento Sant'Angelo a Fasanella Sanza Sapri Scario
Sicignano degli Alburni Torchiara Tortorella  Trentinara Vallo della Lucania
Foto della Costiera Amalfitana:
Agerola Amalfi Atrani Cetara Conca dei Marini
Furore Maiori Minori Positano Praiano
Ravello Scala Vietri sul Mare Tramonti  
Foto della Penisola Sorrentina:
Castellammare Massa Lubrense Meta di Sorrento Piano di Sorrento Pompei
Sant'Agnello Sorrento Vico Equense    
Foto delle isole del Golfo di Napoli:
Capri Ischia Procida    
Altre della Campania
Napoli Salerno Caserta Campi Flegrei Nisida
Vesuvio Bacoli Posillipo Gragnano Lettere
Ercolano Cava dei Tirreni Sant'Antonio Abate Valle di Maddaloni Angri
 

- Altre foto presenti nel nostro sito generale Fotoeweb.it -

   
Foto Roma: foto della cosiddetta città eterna come il Colosseo, Villa Borghese, Altare della Patria e delle tante piazze di Roma.
Foto Venezia: foto della bellissima Venezia e di altre città del Veneto come Padova, Treviso e Vicenza.
Foto Rimini: fotografie della riviera romagnola e di città come Rimini, Riccione e Cattolica.
Foto Sassi di Matera: foto del centro storico di Matera e dei famosi suoi famosi Sassi.
Foto Pesaro e Urbino: fotografie della Marche di città come Pesaro, Urbino e del borgo medievale di Gradara.
Foto Umbria: foto di Perugia, Terni, Assisi, Orvieto, Spoleto, Todi, Foligno, e delle famose Cascate delle Marmore.
Foto Trulli Alberobello: fotografie del centro storico di Alberobello e dei suoi caratteristici Trulli.
Foto Cortina d'Ampezzo: fotografie delle Dolomiti con Cortina d'Ampezzo, Dobbiaco, Brunico, e le belle Cime di Lavaredo.
Foto Moena: le fotografie della Valle di Fassa con Moena, Canazei e Dolomiti.
Foto Benevento: fotografie del Sannio in Campania e del centro storico di Benevento.
Foto Firenze: le fotografie di diverse città della Toscana come Firenze, Siena, Lucca, Pisa, Arezzo.
Foto Isola d'Elba: fotografie della terza isola per grandezza dell'Italia in provincia di Livorno.
Foto Repubblica di San Marino: foto del piccolo stato all'interno dell'Italia come Monte Titano e dei castelli di San Marino.
Foto Abruzzo: fotografie di Pescasseroli, Scanno, Barrea e del Parco nazionale d'Abruzzo.
Foto Maratea: fotografie della costa tirrenica della Basilicata.
Foto Milano: fotografie di Milano e di Monza.
Foto Montecarlo: fotografie della costa azzurra.
 
 
 
 
   

H O M E

   
Tutte le foto inserite nel presente sito sono state scattate da De Maio Agostino. Nel caso di pubblicazioni chiederne l'autorizzazione gratuita (vedere la procedura indicata nella sezione "Contatti"). Questa pagina è stata aggiornata nell'anno 2014.